Samuela Cannizzaro

Nata a Carrara nel 1972.

Dopo il diploma di Arredamento presso l’Istituto d’Arte “Felice Palma” nel ‘98 consegue il Diploma di Laurea presso l’Accademia delle Belle Arti di Carrara con il massimo dei voti. Frequenta la Scuola Edile Spezzina per il disegno e la progettazione con AutoCad. Lavora e realizza i decori affrescati come assistente durante il restauro per la Chiesa della Rocchetta, sita nel comune di Lerici. Vince il concorso regionale per la realizzazione del logo “Centro Documentazione per le Donne”. Per l’U.T.L. di Carrara elabora e crea due scenografie messe in scena dall’attore Massimo Gritti. Dal 1998 al 2011 lavora come arredatrice d’interni utilizzando prevalentemente software grafici per progetti veloci e rendering, mentre per proposte più complesse utilizza disegni tecnici a china e ad acquerello. Recentemente ha contribuito alla creazione di 24 bozzetti per mosaici desinati al Sanctuary of Insipation-Mausoleum of Cristian Heritage, Forest Lawn in California. Attualmente lavora come vice presidente dell’Associazione culturale PerCorsid’Arte e collabora sia con studi di geometri sia con alcune associazioni culturali in veste di grafica e illustratrice.

L’amore per l’arte l’ha portata a sperimentare diversi linguaggi, dalla pittura caravaggesca a quella iperrealista, dai ritratti a matita, acquarello ed olio al canto lirico e alla recitazione.

Il “mio sguardo” è rivolto alle botteghe rinascimentali perciò quando penso alla dimensione dell’arte, intendo il percorso che inizia con la ricerca, continua con l’elaborazione creativa e si trasforma in capacità espressiva attraverso l’utilizzo di tecniche grafiche, materiche e pittoriche, antiche e moderne.

Così nascono le mie soluzioni artistiche che variano dall’arredo di interni alla progettazione di strutture architettoniche, dalla scrittura di fiabe alle illustrazioni delle stesse, dalla realizzazione di un singolo oggetto in carta pesta alla progettazione di scenografie, da ricerche e studi su culture del passato ad interpretazioni decorative che evocano significati simbolici ed altro ancora.

Per me il senso dell’opera d’arte è nella ricerca costante dell’armonia tra mestiere e pensiero.

Vive e lavora a Fosdinovo (MS) in Via Caprognano, 21