Calandriniana 2019

Ogni anno la Calandriniana anima di colori, emozioni e idee la piccola piazza Calandrini, che per noi è sempre stata il salotto di Sarzana. Le parole della Sindaca Cristina Ponzanelli ci sembrano una perfetta sintesi del rapporto che in quasi quarant’anni si è venuto a creare tra la manifestazione artistica e la città che la accoglie, augurandoci che possa ulteriormente rafforzarsi per una reciproca crescita ed evoluzione artistica e culturale.

“Lo stretto legame che unisce la Calandriniana e la Città di Sarzana si rinnova anche quest’anno: un binomio coinvolgente con artisti che si cimentano nel rituale della creazione, interpreti indiscussi di quella libertà espressiva che, da sola, gli consente di rappresentare il loro tempo, scevri da qualsiasi forma di condizionamento. Un legame che unisce una manifestazione che porta in piazza l’arte e una città che, nell’arte, affonda le sue radici e la proietta quotidianamente verso il suo futuro.
Lo spettatore, dalla sua, osservando come nasce un’opera d’arte, diventa protagonista di un viaggio fatto di suggestioni, emozioni e scoperta sempre incorniciato dalla poetica piazza Calandrini. Una piazza che è, del resto, supporto ideale della condivisione e della partecipazione che crescono
di pari passo alla realizzazione delle opere.
Ognuno di noi potrà essere, ancora una volta, attore di questo magico equilibrio che si rinnova di anno in anno e che è ormai un tratto peculiare, unico ed autentico della nostra città.”

Ed ancora sul forte rapporto che ogni, in questa piazza, si crea tra artisti e pubblico pone la sua attenzione Raffaele Cavaliere, artista più volte ha partecipato alla Calandriniana e che quest’anno sarà con noi in veste di presentatore.

“In questa piazza Calandrini che per quindici giorni si vestirà di nuovi contenuti e dove si veicoleranno emozioni che solitamente rimangono chiuse negli studi di chi fa arte, si incontreranno, in una estemporanea, caleidoscopica e coinvolgente maratona pittorica, stili, tendenze, personalità e tecniche diverse, dove il “fare” (cioè il processo artistico che si dipana fino al compimento dell’opera) sarà sotto gli occhi attenti, curiosi ed indagatori degli astanti, amatori e non.”

Questo il programma degli Incontri d’Arte che avremo il piacere di ospitare durante questa edizione:

  • Sabato 3 Agosto, ore 21,30 – Presentazione degli artisti
  • Martedì 13 Agosto, ore 21,30 – Luigi Leonardi, monologo “Misteri d’Italia (Morte di Mussolini)”
  • Giovedì 15 Agosto, ore 21.30 – “Fermiamoci e parliamone” consueto dibattito tra artisti e pubblico

Gli artisti partecipanti a questa edizione: